sabato 3 giugno 2017

UN LIKE SU FACEBOOK PUÒ VALERE UNA CONDANNA PER DIFFAMAZIONE

Arriva dalla Svizzera la prima condanna per il reato di diffamazione a mezzo "like". A farne le spese è un cittadino 45enne condannato per aver cliccato "mi piace" ad alcuni commenti postati su Facebook da terzi. Ê la prima sentenza  nella storia giudiziaria a condannare una persona per un like a commenti scritti da altre persone.

L'imputato è stato condannato a pagare 4mila franchi svizzeri (ossia circa 3.700 euro). Avrà comunque possibilità di proporre appello. 


mercoledì 17 maggio 2017

CYBERBULLISMO: È LEGGE!!!

La legge per il contrasto alle forme di cyberbullismo è stata definitivamente approvata dalla Camera con 432 voti favorevoli e un astenuto. Il  testo ha avuto un percorso lungo e accidentato (è passato per tre volte dalle commissioni e le aule di palazzo Madama e di Montecitorio), ha avuto il definitivo ok alla quarta lettura.
Entra per la prima volta nell’ordinamento giuridico la definizione legislativa di cyberbullismo. Bullismo telematico è ogni forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, manipolazione, acquisizione o trattamento illecito di dati personali realizzata per via telematica in danno di minori. Nonché la diffusione di contenuti online (anche relativi a un familiare) al preciso scopo di isolare il minore mediante un serio abuso, un attacco dannoso o la messa in ridicolo.
Il minore che abbia compiuto 14 anni e sia vittima di bullismo informatico (nonché ciascun genitore o chi esercita la responsabilità sul minore) può rivolgere istanza al gestore del sito Internet o del social media per ottenere l'oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore diffuso su Internet che deve essere eseguita entro 48 ore dall'istanza.
Viene istituito un tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo e prevede l'adozione, da parte del ministero dell'Istruzione - di concerto con il ministero della Giustizia - di apposite linee di orientamento prevenzione e il contrasto del fenomeno nelle scuole. In particolare, le linee di orientamento dovranno prevedere una specifica formazione del personale scolastico, la promozione di un ruolo attivo degli studenti e la previsione di misure di sostegno e rieducazione dei minori coinvolti.
In ogni istituto scolastico dovrà essere designato un docente con funzioni di referente per le iniziative contro il cyberbullismo, che collaborerà con le Forze di polizia, le associazioni e con i centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio in caso di necessità. Le scuole sono chiamate a elaborare interventi di prevenzione e informazione, con la promozione dell'uso consapevole di internet.
In caso di episodi di bullismo via web, il questore può ammonire l'autore con un provvedimento analogo a quello adottato per lo stalking: fino a quando non sia stata presentata querela o denuncia per i reati di ingiuria, diffamazione, minaccia o trattamento illecito di dati personali commessi, mediante Internet, da minorenni sopra i 14 anni nei confronti di altro minorenne, il questore potrà convocare il minore responsabile (insieme ad almeno un genitore o ad altra persona esercente la responsabilità genitoriale), ammonendolo oralmente ed invitandolo a tenere una condotta conforme alla legge.
guarda il video, clicca qui

domenica 7 maggio 2017

Rimini, 5/6 maggio

Una collega ed io.......c'eravamo!!!!
Bellissimo momento di riflessione  e formazione per cercare di essere sempre più, bravi educatori e solidi punti di riferimento, nel nostro essere insegnanti e genitori.
                                                                                                                                                                                                   

Difficile cercare di sintetizzare in poche righe, 15 ore di relazioni sentite in due giorni da diversi professionisti accumunati dalla passione per i giovani. Difficile trasmettere la bella sensazione provata nel vedere tanti colleghi, psicologi, pedagoghi, assistenti sociali ecc, spendersi per i loro ragazzi.
Riassumo quindi in una semplice frase, il lavoro di questi giorni:
"BELIEVE IN ADOLESCENTS, BUT STAY ALERT", "abbiate fiducia negli adolescenti, ma tenete alte le antenne". 
Sono davvero SUPEREROIFRAGILI !  
Se amati, contenuti, accompagnati, compresi, educati, puniti, ricompensati, allertati, spronati........diventeranno ADULTI RESPONSABILI.