lunedì 2 febbraio 2015

GIURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLUCA

Questa sera Sergio MATTARELLA  si è dimesso da giudice della Corte Costituzionale ( la carica della presidenza è incompatibile con qualunque altra) e domani presterà giuramento davanti alle camere riunite in seduta comune.

sabato 31 gennaio 2015

SERGIO MATTARELLA È IL NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Con 665 voti, al quarto scrutinio, Sergio MATTARELLA é stato eletto Presidente della Repubblica
Clicca qui  per conoscerlo meglio

giovedì 29 gennaio 2015

QUIRINALE: da oggi si comincia a votare

Oggi alle 15, a Montecitorio, a camere riunite e integrate dai delegati regionali per un totale di 1009 aventi voto, iniziano le votazioni per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. La maggioranza richiesta, per poter essere eletti,  è quella qualificata dei 2/3 per le prime tre votazioni (673 voti) dal quarto scrutinio in poi basterà la maggioranza assoluta (505 voti). La seconda e la terza votazione avverranno nella giornata di domani, la quarta è prevista per sabato.

venerdì 23 gennaio 2015

QUANTITATIVE EASING: cos'è e quali effetti avrà

 Giovedì, la BCE ha annunciato un piano di acquisto di titoli di Stato  da 60 miliardi al mese almeno fino al settembre 2016.
Ecco, nel dettaglio, che cosa accadrà se tutto procede secondo i piani di Mario Draghi.

1- Dalla creazione di moneta al calo dei rendimenti sui titoli - Il quantitative easing consiste nel fatto che la banca centrale va sul mercato, compra titoli di cui sono pieni i bilanci delle banche commerciali e per pagarli crea moneta che immette nel sistema. La prima conseguenza è che il prezzo dei titoli sale (perché c’è più domanda) e il loro rendimento, cioè il tasso di interesse che ogni Stato paga per finanziare il proprio debito, scende. 
2- Giù anche i tassi di interesse su mutui e prestiti – A loro volta, poi, i bassi tassi sui titoli pubblici fanno calare anche il rendimento delle altre obbligazioni (quelle di banche e aziende). Alla fine, quel che accade è scendono che tutti tassi, compresi quelli a cui sono indicizzati i mutui
3- L’euro si deprezza e sale l’inflazione – Il terzo canale di trasmissione è quello che passa attraverso la valuta. Che si deprezza, perché ce n’è molta di più in circolazione. L’eurodovrebbe dunque perdere terreno rispetto al dollaro, favorendo leesportazioni. Al tempo stesso, l’aumento dell’offerta di moneta crea inflazione.
4- Sale il valore delle case – L’effetto congiunto della riduzione dei tassi sui mutui e dell’aumento della liquidità sui mercati è un aumento del valore delle attività finanziarie e reali, e quindi anche delle case.
5- Le banche, alleggerite dai titoli di Stato, hanno più liquidità per fare prestiti o investimenti - Infine, come effetto collaterale, i bilanci delle banche risultano alleggeriti da un eccesso di titoli di Stato. E gli istituti – ammesso che lo vogliano e che ladomanda sia ripartita – sono incentivati a usare il denaro incamerato per dare più prestiti. O per investire nel mercatoimmobiliare e azionario.

mercoledì 14 gennaio 2015

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA HA RASSEGNATO LE DIMISSIONI

Questa mattina alle 10.30, il Presidente della Repubblica, dopo quasi 9 anni di mandato, ha firmato le sue dimissioni. Insieme alla lettera di dimissioni il P.d.R. ha firmato altri tre documenti, uno per il presidente della Camera, Laura Boldrini, la quale dovrà organizzare entro 15 gg l'elezione del nuovo Presidente, uno per il presidente del Senato, Grasso, che rivestirà le vesti di supplente del Presidente della Repubblica da palazzo Giustiniani che per "15gg" sarà la sede del P.d.R., e una per il Presidente del Consiglio. Lo stendardo presidenziale verrà quindi tolto dal palazzo del Quirinale e verrà innalzato a palazzo Giustiniani. Uno stendardo verrà anche omaggiato al Presidente in ricordo del suo mandato.  Da ora, Giorgio Napolitano, sarà senatore a vita.